Mi chiamo Laura Rossi, ho 45 anni e vorrei raccontarvi la mia storia. Secondo me può essere utile a tanta gente.

Il mio lavoro somiglia a quello di molti italiani della mia generazione: piccola impresa ereditata dai genitori e dai nonni, non si stacca mai, fatica, tasse e qualche soddisfazione.

Negli ultimi anni meno.

Tre generazioni di lavoro e risparmio hanno creato un patrimonio.
Un patrimonio che somiglia a quello di tanti altri piccoli imprenditori e professionisti italiani, immagino: qualche immobile, tra cui la casa dove vivo, buoni del Tesoro e un po’ di altri titoli in portafoglio.

Fino a due anni fa soprattutto fondi di vario genere.

Un giorno mi sono imbattuta in questa tabella:

Per una volta era semplice da capire e la fonte era insospettabile (BlackRock/Morningstar):

Il peggior investimento possibile, a lungo termine (1926/2012), e’ quello monetario (Bot/conti deposito etc): tolte le tasse e l’inflazione ci si rimette quasi l’1% all’anno (-0,8%).
Seguono le obbligazioni (societarie e di stato): sempre al netto di tasse ed inflazione si prende
solo lo 0.6% netto, ogni anno in media.
Poi arrivano le azioni: dal 1926 al 2012, una vera Maratona, hanno guadagnato il 4,5% medio all’anno, al netto di tasse ed inflazione.
Wow. Per mestiere capisco la differenza tra le percentuali e so distinguere tra lordo e netto.
Quindi sono andata di corsa su Google e ho trovato due altre cose molto interessanti:

La prima: un calcolatorino dell’interesse composto;
La seconda: un articolo di Francesco Carlà.

Usando il calcolatorino ho scoperto che:

  • Usando i Bot praticamente i soldi si dimezzano strada facendo (100.000 euro ‘investiti al -0,8% diventano dopo 86 anni 50.119);
  • Usando le obbligazioni i soldi crescono un po’, ma molto lentamente (100.000 euro investiti allo 0,6% diventano dopo 86 anni 167.273);
  • Usando le azioni i soldi crescono molto e quando dico ‘molto’ voglio proprio dire Molto (100.000 euro investiti al 4,5% diventano dopo 86 anni 4.405.558).

 

Naturalmente non è detto che quello che è successo dal 1926 al 2012, in Usa, si ripeta esattamente. Ma certo la differenza mi ha piuttosto impressionata.

E sono tornata su Google.
Ho scritto “investitore intelligente” sul motore di ricerca ed è venuto fuori questo articolo di Francesco Carlà:

Il titolo sembrava fare proprio al caso mio e anche il linguaggio. Chiaro. Per nulla da ‘esperti e addetti ai lavori’.

Quasi subito ho letto una parte che mi ha colpita e si ricollegava alla tabella di cui vi ho parlato:

“Essere o non essere, far da solo o farsi gestire?
Il ragionamento classico del risparmiatore al bivio è sempre il medesimo:
‘La finanza e’ roba complicata e tecnica. Non ci capisco nulla. Meglio farmi gestire.’
I risultati degli ultimi 30 e più anni, fonte Mediobanca quindi attendibile e non certo favorevole al ‘fai da te’, dimostrano che e’ una pessima idea.

In media i cosiddetti ‘esperti’ hanno fatto peggio dei Bot che non necessitano di alcuna conoscenza e rendono meno dell’ inflazione, quindi bruciano i nostri soldi.
Risultati medi da fine 1998 a fine 2008: Bot: -0,4%, Fondi comuni: -19,8%. (fonte Mediobanca)
E’ evidente, allora, che bisogna imparare a far da se medesimi, imparare a investire
bene il nostro denaro, diventare Investitori Intelligenti prendendo in mano le sorti dei nostri risparmi senza paura.”
A questo punto ho fatto due cose:
La prima: ho letto tutto l’articolo; La seconda: sono andata sul sito di FinanzaWorld E sapete cosa ho trovato? “
Ho trovato un percorso completo e tutto ciò che serve per aiutare il risparmiatore che vuole diventare un Investitore Indipendente.

Guardate la home page di www.finanzaworld.it
A sinistra c’è il Blog di Francesco Carlà
Ho scoperto subito che è un luogo molto visitato da tutti gli Aspiranti Investitori.
Si può leggere senza doversi per forza registrare, mentre per poter commentare è meglio farlo.
Dopo qualche giorno ho capito subito che il linguaggio era quello giusto: niente parole per ‘addetti ai lavori’. A Finanza World parlano esattamente come mangiano.

E come mangiamo noi. Ci sono 4 parole chiave:
1 Finanza democratica: basta con i parassiti dell’investitore!
2 Maratona dell’Investimento: investire non e’ scommettere!
3 Frullatore di Carlà: il sistema di analisi proprietario!
4 Metodo Carlà: 6 regolette per gestire il vostro portafoglio!

Accanto al Blog c’è la zona Free, quella blu
Mi sono iscritta alle newslettere gratis settimanali:
Affari nostri, Analisi America, Analisi Italia, Analisi Globale, Soldi & Felicità. Ogni settimana mi arrivano consigli utili, spiegazioni, presentazioni di società e commenti inediti sugli scenari.
All’estrema destra della home page di FinanzaWorld c’è la zona Educational. Qui trovate dossier gratuiti come questo e anche il VideoCorso di Francesco Carlà in 3 livelli, 30 video che ha creato per avere un rapporto più visivo e diretto con gli investitori di Fw, i Fwiani e le Fwiane.
Poi c'è la Zona Premium, quella verde:
Questo è il cuore-pratico della Finanza democratica di Finanza World e Francesco Carlà. Qui c'è tutto, ma proprio tutto quello che serve ad un Investitore Indipendente e Intelligente per far da solo, risparmiare e investire.

Francesco Carlà e Fw ti prendono per mano dal primo istante e non ti lasciano più.
Il primo Premium di Fw a partire è stato “In Borsa con Carlà” dedicato a Wall Street. Ha già compiuto 10 anni di vita e sta surclassando il suo avversario nella Maratona Americana cioè nell’ investimento a Wall Street.

Già: ho imparato presto che quello che conta è fare meglio dell’indice. Nel caso di Wall Street
l’indice e l’S&P 500. In Borsa con Carla’ sta facendo, dal gennaio 2004, +192%. L’Indice è  a quota +65%. (Dati al 17.01.2014)

Perchè è così importante fare meglio dell’indice?
Se tornate alla mia tabella da cui tutto è cominciato lo capite proprio subito subito:E’ importante battere gli indici, magari anche di poco sebbene al momento il vantaggio di Fw sia enorme, perchè così i nostri soldi crescono ancora di più. Infatti i risultati della tabella si riferiscono agli indici.

Brava vero? E non ci ho messo molto a capirlo, credetemi.

E i Premium di Finanza World sono tanti e vi permettono di investire dove volete:

Investitore Intelligente (Etf & Global dal gen 2005): Fw+60%, Indice +38%
In Borsa in Italia (Piazza Affari dal gen 2006): Fw+116%, Indice-46%
Obbligazioni Ita & Euro (dal gen 2007): Fw+41%, Indice+30%
In Borsa in Europa (dal marzo 2011): Fw+12%, Indice+5%

(Dati al 17.01.2014)

Ma come funzionano i Premium di Finanza World?
Nel modo più semplice. L’esempio che vi faccio è quello di In Borsa con Carlà, ma il sistema è identico per tutti:

1 Vi iscrivete facendo la prova Gratis cliccando qui:

2 Ricevete una newslettera di Francesco Carlà tutte le settimane e lì dentro trovate i suoi commenti e le sue spiegazioni, il portafoglio con tutti i titoli, il Metodo Carla’ per gestire il portafoglio e cominciare ad investire subito;

3 Quando c’è un nuovo titolo da comprare o da vendere ricevete un Alert nella vostra email con tutte le spiegazioni e le indicazioni che vi servono.

Tutto qua, non c’è altro da fare e da sapere. Vi servirà pochissimo tempo e comunque, se vi viene qualche domanda, potete scrivere direttamente a Francesco Carlà a: 
f.carla@finanzaworld.it oppure ai suoi  collaboratori a premium@finanzaworld.it

E siete partiti anche voi per la Maratona dell’Investimento!”

Un caro saluto a tutti

Laura