Ogni 7 giorni un'Idea dal sottoscritto; una brevissima sintesi di un libro che ho appena letto (o che penso sia indispensabile); in più il link ad un articolo che mi è piaciuto.

E la Citazione Finale.

Buona lettura, vs. Francesco Carlà.

Clicca qui per iscriverti.


1. Come Investire 10.000 euro (puntata 259 del 10/02/2024)

Premessa: non è la prima volta che vi propongo questo tema. Mi piace tornarci su periodicamente e rileggermi. Per vedere se c'è qualcosa che voglio cambiare.

Perchè? Semplice, continuate a leggere ...

Un mio amico, super-esperto di queste faccende, mi ha mandato le prime cinque o sei domande sugli investimenti fatte dalle persone a Google.

La prima in assoluto fatta a Google è: Come Investire 10.000 euro?

Per come la vedo io è una domanda semplice, ma non facile. Secondo me 10.000 euro s'investono esattamente come 1000, 100.000, un milione etc etc: tenendo (sempre) a mente almeno tre cose fondamentali:

1: Non usare mai denaro che serve per vivere e imprevisti. Mai. Per nessuna ragione.

2: Investire con in testa il medio (almeno 5 anni) o il lungo termine.

3: Se non si vuole/può rispettare il punto 1 e 2 molto meglio non investire affatto.

Vorresti abbonarti ad una newsletter di FC e di Fw a cui non sei mai stato abbonato? Scrivi a premium@finanzaworld.it per conoscere l'opportunità speciale!

Un consiglio finale: se siete novizi di FinanzaWorld partecipate Gratis al Meeting della Finanza democratica on line col sottoscritto, cliccando subito qui.

2. Il mio libro della settimana (259)

P. Guggenheim: Una vita per l'arte

(BUR)

Probabilmente sapete che non considero un'opera d'arte un bene da investimento. In qualche occasione ho anche raccontato perchè.

Ma l'arte è sicuramente una delle grandi passioni della mia vita, e grazie a Dio se ne può godere anche senza possederla.

Esattamente il contrario di quello che pensava Peggy ...

Peggy Guggenheim nacque nel 1898 da una ricca famiglia ebrea di industriali americani.

Dopo aver ereditato un patrimonio ingente, decise di abbandonare gli studi e partì alla scoperta dell'Europa: vi rimase circa vent'anni, frequentando il mondo letterario e artistico, che aveva a Londra e a Parigi i suoi centri principali, e diventando una mecenate nel senso più ampio del termine: nel periodo tra le due guerre, munita di una "lista della spesa" compilata con l'aiuto del suo consigliere Marcel Duchamp, arrivò ad acquistare un'opera d'arte al giorno.

Ne "collezionò" anche, con una passione divorante, gli autori: amica e amante di molti, moglie, per periodi più o meno lunghi, di alcuni, musa per tutti.

Nel 1941 tornò negli Stati Uniti con la sua collezione, che organizzò nell'Art of This Century, una galleria d'arte che rapidamente divenne internazionalmente famosa. Nel 1948 espose la sua collezione alla Biennale di Venezia.

Affascinata dalla bellezza della città, non l'abbandonò più.

Acquistò Palazzo Venier dei Leoni, affacciato sul Canal Grande, e ne fece una casa-museo.

Una vita per l'arte è la storia della sua vita straordinaria e delle sue relazioni travagliate con scrittori e artisti famosi. Ed è, anche, la storia di un importante periodo artistico, e dell'innegabile influenza che su di esso ebbe Peggy Guggenheim.

Un'esistenza interamente dedicata all'arte, fino all'anno della sua morte (1979), che la colse a Venezia, nei cui salotti aveva regnato come "l'ultima dogaressa"”.

3. L'articolo della settimana (259)

Peggy Guggenheim è stata davvero una figura straordinaria della storia (e del business) dell'arte del Novecento ...

"Nel segno di Peggy Guggenheim. Intervista a Karole Vail (sua nipote) ..."

4. La citazione finale (259)

“Ho accettato solo i consigli dei migliori e li ho ascoltati: ecco come sono diventata la specialista di me stessa.”

(P. Guggenheim)

A rileggerci il prossimo week end!

Vostro


Offerta riservata ai lettori di FC Consiglia:

Ultimo Podcast pubblicato:

Ascolta o iscriviti su:

Apple Podcast

Google Podcast

Spotify

Spreaker

iHeart Radio

Deezer

Podcast Addict

Elenco delle puntate: